Pagine

martedì 21 maggio 2013



LA CALABRIA E I CALABRESI



Prima di tutto voglio dire che sono Calabrese , nata , cresciuta e pasciuta in Calabria e sono orgogliosa di esserlo . La mia terra mi piace molto nonostante i suoi difetti e le sue contraddizioni.

Non si abbiano a male i Calabresi che leggeranno questo post ma purtroppo è quello che penso e non credo che si discosti dalla realtà.
Dobbiamo sforzarci a cambiare mentalità, noi abbiamo tante qualità che purtroppo non vogliamo sfruttare.

La Calabria è ricca di bellezze naturali, abbiamo un mare bellissimo, chilometri di spiagge deserte, e a poca distanza abbiamo le nostre verdi splendide montagne.

Che cosa manca? l'0rganizzazione sia della gente che dei nostri amati politici e il nostro senso del turismo.

Faccio un esempio, questo inverno in Sila ha nevicato parecchio, i miei figli amano sciare e il sabato salivano per divertirsi un po, ebbene ritornavano il pomeriggio demoralizzati, funzionava una sola seggiovia, quindi praticamente in una mattinata riuscivano a salire  una sola volta , considerato che di sabato c'era parecchia gente. 
E allora da noi succede questo, se non nevica , sono tutti disperati perchè senza neve non c'è turismo, se nevica invece , o nevica troppo e quindi gli impianti vanno in tilt, oppure non funzionano.

Hai voglia mio caro Presidente a fare spot sulla " Calabria da scoprire", se vuoi un consiglio dovresti fare
- un spot per insegnare a noi  calabresi a fare turismo.
- disporre delle sedute dallo psicologo per verificare l'attidudine dei nostri sindaci a svolgere il loro lavoro (sicuramente non resterebbe nemmeno il 10%)
- questo ns bel palazzo regionale con tante personcine che non mi pare siano oberati di lavoro , potrebbero  essere mandate in giro per scoprire quali sono le nostre pecche, quali sono le infrastrutture da realizzare e quali potevano essere evitate perchè inutili
-potrebbe lei farsi una passeggiatina non con la macchina blu nelle strade accuratamente pulite per il  suo autorevole arrivo , ma in incognito visitando i vari paesini ,parlando con la gente , scoprirebbe le tante cose che non vanno nella nostra splendida regione.

I villaggi al mare sono all'abbandono, la spazzatura ha preso il posto dei turisti, i depuratori non funzionano(nonostante i milioni stanziati che non si sa che fine abbiano fatto) e quindi anche quest'anno si prevede mare sporco, altro che bandiera Blu.

L'abusivismo edilizio dilaga, non ci sono collegamenti alle fogne quindi si scarica direttamente a mare, tutti sanno ma nessuno parla e anche se parliamo sono parole al vento.
 
I miei compaesani dovrebbero capire che quando si fitta una casa , la si deve fittare con tutte le comodità, sicuramente non con mobili Luigi XV ma nemmeno con mobili che ti cadono sulla testa, con materassi inqualificabili, con docce con su il cartello "non utilizzare perchè si allaga" è capitato alla sottoscritta.

Dovremmo imparare  il vivere civile, l'amore verso la natura che vuole anche dire che quando si fa la scampagnata fuori porta, meglio descritta da Franco, tutta la spazzatura va raccolta nelle buste e buttata nei cassonetti e non sparpagliata sotto i pini.

Una cosa essenziale sarebbe riuscire a fare la raccolta differenziata che ormai fanno in quasi tutta Italia, ma noi naturalmente siamo tra gli ultimi ,non per niente siamo allo fine dello stivale, ma la differenziata la deve organizzare  prima il comune o la regione, non basta dire ai cittadini fate la differenziata .

Qualche anno fa parliamo del 2008 a casa sono arrivati da parte del comune  quintali di buste, gialle ,verdi, rosse, per l'umido, era partita la differenziata, quindi noi cittadini abbiamo cercato di organizzarci  a casa  con i vari contenitori, nei giorni stabiliti passavano a ritirare le buste.
Sapete quanto è durato? da noi si dice "da Domenica a Lunedi" abbiamo chiesto il motivo di questa interruzione
Risposta: il Comune ha avuto non so quanti soldi per la differenziata se non l'avvesse organizzata avrebbe perso  i soldi. Quindi hanno fatto solo finta di organizzare il servizio , praticamente come al solito siamo stati presi in giro,si sono presi i soldi, non si sa dove siano finiti  e adesso siamo peggio di prima perchè le strade sono invase dalla spazzatura.

Noi Calabresi ci dobbiamo rimboccare le maniche e lavorare senza  aspettare "la manna che cade dal cielo",dobbiamo alzare  la testa , finiamola con questo clientelismo , dobbiamo metterci in testa che questi signoroni che noi purtroppo votiamo sono al servizio del cittadino, sono loro al nostro servizio , al servizio del popolo, loro devono saper governare , garantire le leggi,  aiutare i cittadini,  sono loro che devono fare valere i nostri diritti , sono loro che dovrebbero difendere la nostra terra, migliorarla, farla crescere.

Questi signori  sono là non per il proprio interesse o per il bene di pochi eletti, ma per il bene di tutta la Regione e se cosi non fosse dovremmo  avere la forza , la dignità di denunziare tutte le malefatte e non nascondere  la testa nel sacco come purtroppo facciamo in attesa che il santo in Paradiso ci apra qualche porta.

Se non cambieremo mentalità purtroppo resteremo sempre nella mediocrità.