Pagine

sabato 7 settembre 2013

PENSIONATI IN FUGA




L'altro giorno sono andata a trovare un'amica, abbiamo fatto una passeggiata sul lungomare, abbiamo parlato a lungo, ci siamo raccontati come si dice da noi " i patuti".

A un certo punto mi dice Maria, lo sai che i nostri amici Giusi e Achille si sono trasferiti all'estero?

Proprio cosi , questa coppia in pensione da circa due anni , è andata a fare un viaggio a Santo Domingo , era un viaggio che desideravano fare da tempo , il viaggio dei loro sogni.

Per i soliti motivi, lavoro, figli , famiglia, questo desiderio era stato sempre accantonato fino all'arrivo della pensione.

Quindi dopo un mese dalla fatidica .. sono partiti per la meta sognata. Avrebbero dovuto restare un mese invece hanno prolungato la vacanza.

Sono rientrati in Italia ma  nel loro cuore era rimasto indelebile il ricordo di Santo Domingo, non finivano mai di descrivere le bellezze dei luoghi, posti incantevoli, paesaggi infiniti, vegetazione lussureggiante, fiori di incredibile bellezza, varietà mai viste in Italia.

La gentilezza degli abitanti , la pulizia delle città e l'ordine erano il loro cavallo di battaglia per cercare di aprire un varco nella mente dei figli.

E che dire del caro vita? Con la loro pensione in Italia riuscivano a vivacchiare a Santo Domingo con la stessa pensione avrebbero vissuto da nababbi.

Vivere in una grande città offre moltissimo a chi lavora ma spesso un pensionato preferisce godersi la vita in modo più rilassato.

Una volta in pensione , con i figli ormai sistemati e con una loro vita indipendente , si può decidere di realizzare sogni tanto a lungo proibiti.

Decidere di dare una svolta alla propria vita, di andare ad abitare in un altro Paese, fa bene alla salute da un punto di vista psicologico, mantenere viva la curiosità, coltivare i propri hobby è positivo perché allontana il rischio di depressione  che è molto frequente nella terza età.

E cosi Giusi e Achille ce l'hanno fatta a convincere i figli, hanno comperato una casetta a Santo Domingo e si sono trasferiti li dove  vivono meravigliosamente bene, sono rinati.

Trascorrono la maggior parte dell'anno lontani dall'Italia per ritornarci durante le feste da trascorrere con i parenti  nella lontana speranza che anche i loro figli possano decidersi a stabilirsi nella città da loro tanto sognata.

Faccio i migliori auguri ai miei amici nella speranza ,un giorno di andare a trovarli .

Pensare di trasferirmi all'estero ,in verità è un desiderio che non mi ha mai sfiorato, mi piacerebbe viaggiare ma ritornare alla mia vecchia casa con i miei affetti.