Pagine

domenica 6 ottobre 2013

OCCHI APERTI SUI BIMBI PICCOLI

Ero affacciata sul balcone e ho sentito un certo movimento, la gente difronte era agitata , qualcuno è corso alla macchina e dal portone di fronte è uscita una signora con in braccio una bimba che aveva del sangue sulla fronte.

Sono scesa a chiedere che cosa fosse successo e la vicina mi ha detto che la piccolina, si è allontanata un attimo dalla mamma , è salita sul lettino per giocare, è scivolata e ha sbattuto la fronte allo spigolo del lettino, è bastato un attimo di distrazione della mamma.

Si è proprio cosi, con i piccoli basta un attimo , i bimbi sono imprevedibili, ti scappano dalle mani, non sai veramente da che parte guardare per proteggerli, devi avere due  occhi  davanti e due dietro , chi ha cresciuto figli ne sa qualcosa.

Io sono stata accusata dai miei  di essere troppo apprensiva.

In effetti , quando ero presente non li lasciavo un attimo, i miei occhi erano sempre rivolti a loro, qualsiasi cosa facessi non li perdevo d'occhio un attimo e le ragazze che li guardavano la mattina erano terrorizzate dalle mie raccomandazioni, a parte  che non erano sole ma sotto la vigile sorveglianza della mia nonna che come un maresciallo sovrintendeva a tutte le operazioni.

I  pericoli li prevenivo, studiavo le stanze   nei minimi particolari,
-giocattoli rigorosamente a terra nelle ceste, il giochino rotto subito nella spazzatura per      timore che lo potessero mettere in bocca,
-spigoli rigorosamente incerottati,
- quando cucinavo utilizzavo i fornelli quelli più dietro per evitare che si potessero bruciare con le pentole o peggio ancora con le padelle,
- guai a comperare giochi o altro che non fosse rigorosamente autorizzato,
- tappeti avrebbero potuto farli scivolare o procurare allergie quindi eliminati,
- le prese elettriche tutte rigorosamente coperte,
-medicinali o detersivi assolutamente fuori dalla loro portata.

Ma purtroppo è cosi , basta una piccola distrazione perché succedano i problemi e nella maggior parte dei casi gli infortuni ai piccoli sono più frequenti tra le mura domestiche, basta uno spigolo, una finestra aperta, un detersivo senza tappo, un tappeto scivoloso per mettere a repentaglio la salute dei nostri figli.

In effetti lo riconosco,  sono stata molto esagerata, quasi da paranoia, non ero mai rilassata quando c'erano loro, anche alle festicciole, le altre mamme stavano insieme, conversavano, io facevo il carabiniere in gonnella, il mio ritornello "state attenti " era diventato il mio motto , dappertutto per qualsiasi cosa ci stava sempre "state attenti".

Pensandoci bene, ripercorrendo  il tempo passato mi rendo conto  che in effetti li ho un pò angosciati con le mie paure , e ancora adesso che sono grandi e ormai non sono più sotto la mia sorveglianza, ogni tanto quello "state attenti" ancora ci scappa.  

Comunque sono arrivata ad una conclusione, cari ragazzi  miei , voi nonostante questa grande rottura di scatole, avete fatto di tutto di più, adesso tocca a voi miei cari pargoletti , darvi da fare , quando mai vi deciderete , con i vostri piccoli e se qualcuno di voi ha ereditato qualche gene ribelle della vostra mamma , allora ne vedremo delle belle.




PS. ma quanto eravate belli.....